La terra è vostra. Prendetela!


di Philippe Baqué.


Il 4 marzo 2012 cinquecento tra contadini e cittadini andalusi hanno occupato poco più di centosessanta ettari di terra pubblica abbandonata, destinata ai grandi proprietari. Hanno scelto i metodi dell’agricoltura biologica contadina, si sono organizzati in cooperative, hanno promosso la vendita locale. Sono diventati un simbolo delle proteste popolari, scontrandosi spesso con governi progressisti, che favoriscono di fatto la concorrenza tra braccianti andalusi e migranti, e contestando le sovvenzioni agricole dell’Ue. Subito dopo l’occupazione, molti anziani sono venuti a portare i semi di peperoni, cipolle, lattuga, semi tradizionali che avevano ereditato dai loro genitori e che avevano conservato con cura. «La terra non appartiene a nessuno – dicono – e non è una merce ...


Intanto, si avvicina la stagione per piantare gli alberi da frutta: albicocco, ciliegio, mandorlo, La terra, aggiungono, come la casa e le banche: «Dobbiamo occupare! Ecco la soluzione»

«Quando siamo arrivati a Somonte per occupare la terra, era una mattina molto presto, al sorgere del sole – ricorda Javier Ballesteros, contadino andaluso. Sono rimasto sorpreso dal silenzio. Non c’erano uccelli in queste terre. Nessuna vita. Niente!». È stato un anno fa, il 4 marzo 2012. Cinquecento contadini, abitanti dei villaggi vicini e cittadini solidali provenienti da tutta la regione hanno cominciato a occupare la finca (fattoria in spagnolo) Somonte. Il giorno successivo, la proprietà, che appartiene al governo autonomo regionale, doveva essere messa all’asta, per finire quasi certamente a uno dei potenti proprietari terrieri della zona, che avrebbe comprato a buon mercato.

I Soc-Sar [1], il sindacato che ha organizzato l’occupazione, è abituata alle lotte per la terra. È stato il sindacato che ha guidato tutte le battaglie storiche andaluse fin dagli anni Settanta. Ma le occupazioni di terre non sono una novità. Dal 1936, si sono moltiplicate. Javier ricorda la brutale repressione che seguì la vittoria di Franco. Un potente proprietario terriero ordinò l’esecuzione di trecentocinquanta braccianti a Palma del Rio, villaggio vicino a Somonte. La maggior parte del terreno adiacente alla finca appartengono ai discendenti di questo uomo.

«La terra è vostra. Prendetela!»

È un mattino invernale, una trentina di persone sono intorno al braciere, nella piccola cucina di fronte alla finca. Due uomini riparano un vecchio trattore Fiat sul quale è appesa una bandiera andalusa con la sigla Soc-Sat. Quando il trattore si mette in moto, i responsabili suddividono i compiti tra gli occupanti e i visitatori solidali, secondo le decisioni prese durante l’assemblea generale della sera. Un gruppo taglierà l’erbaccia nel campo di cipolle dove le piante devono essere seminate. Un altro raccoglierà i peperoni, i Piquillo, varietà locale, rosso sangue, che saranno poi messi ad asciugare a grappoli. Il terzo gruppo preparerà il pasto collettivo di mezzogiorno.

Una dozzina di cittadini di sinistra portoghesi, in visita, e alcuni attivisti francesi e spagnoli, di passaggio o soggiornanti a Somonte, si spostano verso l’hangar che raccoglie le macchine agricole. Uno slogan, dipinto sulla costruzione, richiama le sfide dell’occupazione: «Andalusi non emigrate. Combattete! La terra, è vostra. Prendetela!». Intanto, i lavoratori incontrano una pattuglia della Guardia Civil, che sale, come ogni giorno, a rilevare i numeri di targa delle auto parcheggiate intorno la fattoria. A bassa voce, vengono prese in giro. Le guardie restano indifferenti. Non sono mai scesi dal proprio veicolo. Prendono atto e se ne vanno.

Sviluppare l’agricoltura biologica contadina

Vicino all’hangar, sotto lo sguardo vigile di Malcolm X, Zapata e Geronimo, immortalati da un artista su una parete, Javier e il suo collega Pepe distribuiscono gli attrezzi agli attivisti e li accompagnano al campo di cipolle. I viali sono interminabili. Con le spiegazione dei due uomini, gli attivisti si piegano cominciano a tagliare. Le erbacce resistono, le dita faticano. Una mano inizia a piantare cipolle. Un piede schiaccia un altro piede. Difficile improvvisarsi contadino. Quelli che di solito si sostengono online. Altri cercano di applicarsi, si siedono, raddrizzano la schiena… Le conversazioni stanno andando bene. Canzoni rivoluzionarie, sempre all’unisono.

A poco a poco la nebbia si alza. Appare là nella pianura del fiume Guadalquivir, che si estende fuori dalla vista in questa parte della provincia di Córdoba. Un campo aperto, ondulato, senza un albero, senza una siepe. La stessa terra esausta, sulla quale in estate, sotto il caldo torrido, crescono il grano o girasoli. I lavoratori che occupano i quattrocento acri di Somonte hanno deciso di abbandonare queste pratiche agricole intensive. «Da quando siamo qui, gli uccelli sono tornati e anche la vita – dice Javier – L’uomo appartiene alla terra. Dobbiamo rispettarla e prenderci cura di lei. È per questo che qui facciamo agricoltura contadina». Per sviluppare l’agricoltura in contrasto con il modello dominante, i braccianti andalusi usano la sensibilità e la memoria diffusa dai loro genitori o nonni.

Contro una ripartizione «feudale» delle terre

Come la maggior parte dei venticinque occupanti permanenti della finca, Lola Alvarez si definisce «contadina bracciante», ed è fiera di esserlo. Ricorda che le prime piante di pomodoro coltivate nell’orto a Somonte provengono dai semi portati da suo padre di ottantaquattro anni. «Non appena abbiamo occupato Somonte, molti anziani sono venuti a portarci i semi di peperoni, cipolle, lattuga … Tutti i semi tradizionali che avevano ereditato dai loro genitori e che avevano conservato con cura e protetto anno dopo anno». Gli occupanti hanno ricevuto semi anche dalla rete andalusa Semences e dalla cooperativa francese Longo Mai. Somonte è priva di semi geneticamente modificati e di pesticidi. «Siamo stanchi di vedere chi specula con la terra, con i prodotti chimici, con i semi e l’acqua. Sarà difficile coltivare quattrocento ettari, ma lo faremo», dice con semplicità Lola.

Gli occupanti hanno deciso di porre fine alla distribuzione feudale ingiusta e scandalosa delle terre in Spagna, che ha attribuito alla duchessa d’Alba 30.000 ettari di terreno e altri 17.000 al duca dell’Infantado. Più del 60 per cento della terra del paese è nelle nelle mani di poche famiglie potenti, che speculano e ricevono la maggior parte delle sovvenzioni agricole [2]. «La terra non appartiene a nessuno. E non è una merce – dice Lola – Deve essere nelle mani degli uomini e delle donne che la lavorano. Ci prendiamo cura della terra per nutrire le nostre famiglie e vivere con dignità».

Javier Ballesteros, nato in una famiglia di contadini anarchici, ci tiene a questa tradizione. «I mezzi di produzione deveono servire il popolo. Per crescere in modo sano, non abbiamo bisogno di un capo che ci sfrutta e ci deruba. Vogliamo decidere noi il nostro futuro». Negli anni Ottanta, per avviare una riforma agraria, il governo autonomo andaluso (guidato dagli spagnoli del Socialist Workers Party, Psoe) aveva comprato decine di migliaia di ettari dai proprietari terrieri di grandi dimensioni. E aveva pagato profumatamente…. Ma non aveva ridistribuito la terra. Tutto questo ha provocato la nascita di un vasto movimento di occupazioni delle terre organizzato dal Soc, che poi ha chiesto l’espropriazione senza indennizzo.

Diritto di uso

Una parte di questa terra è stata poi data alle cooperative di piccoli agricoltori. Ma la stragrande maggioranza delle terre restano sotto la responsabilità del l’Istituto andaluso di Riforma Agraria (Iara), ed è dedicata alla coltivazione intensiva, o a vaghi progetti di ricerca, grazie alle sovvenzioni importanti dell’Ue. Alcuni ettari della finca di Somonte sono serviti per la sperimentazione di colture per la produzione di biocarburanti. Oggi, sono ancora i socialisti a governare il governo autonomo. Poiché le casse sono vuote, 22.000 ettari di terreno di proprietà del Iara sono stati messi all’asta nel 2011. Più della metà sono stati venduti.

«Il Soc ha promosso occupazioni molto difficile negli anni Ottanta. In particolare, ha portato alla creazione della cooperativa El Humoso nel villaggio di Marinaleda su 1.200 ettari espropriati alla duchessa d’Alba», racconta Lola Alvarez. «Per anni, sono state organizzate occupazioni simboliche per cercare di influenzare la politica del governo. Ma quando abbiamo visto che le terre gestite dal governo andaluso tornavano nelle mani degli speculatori, abbiamo deciso di rendere le occupazioni reali». Dopo le occupazioni, le vendite dei terreni sono state sospese. Ma gli occupanti di Somonte non vogliono diventare proprietari. Hanno chiesto un semplice diritto d’uso. Ricordando che gli ultimi vent’anni, questi quattrocento ettari non hanno nutrito neanche una persona.

Somonte, simbolo della lotta popolare

L’Andalusia sta registrando un tasso di disoccupazione record del 34 per cento, fino al 63 per cento per i giovani sotto i venticinque anni [3]. Molti andalusi, emigrati come lavoratori edili in altre regioni della Spagna, sono tornati a casa e offrono il loro lavoro in un mercato già saturo e con la crisi agricola. Con la meccanizzazione e i raccolti scarsi di arance e olive, è impossibile per 400.000 lavoratori agricoli della regione raggiungere i trentacinque giorni di lavoro necessari ogni anno per ricevere un assegno mensile di quattrocento euro.

Alla fine del 2012, il parlamento andaluso ha chiesto che il numero di giorni lavorativi necessari sia ridotto. Invano. Questa crisi sociale non allarma i proprietari terrieri che approfittano della situazione favorendo la concorrenza tra braccianti andalusi e migranti, pagati molto meno. Il Soc-Sat incontra i lavoratori di tutti i ceti regolarmente e cerca di difendere i loro diritti. Ha più volte denunciato l’ingiustizia sociale e ha organizzato operazioni per il recupero di alimenti dai supermercati, per distribuirli nelle mense dei quartieri poveri.

Durante l’estate del 2012 ha promosso in tutte le province andaluse proteste contro le misure di austerità. Una grande fattoria appartenente all’esercito, abbandonata, è stato brevemente occupata. Per questa tensione sociale e politica, grazie a tutte queste lotte, i lavoratori di Somonte sono ormai un simbolo di chi lotta per prendere il controllo del proprio destino. Il cibo è al centro della lotta.

Nutrire migliaia di famiglie della regione

A poco a poco, con il sostegno di studenti, agronomi, organizzazioni locali e reti di solidarietà internazionale, il progetto agricolo di Somonte prende forma. Tre ettari di ortaggi sono stati coltivati per il consumo domestico, in vendita nei mercati locali o di una cooperativa di consumo di Cordoba. Decine di ettari saranno dedicate ai vegetali. Quaranta ettari sono riservati per la rotazione delle colture importanti, tra cui grano biologico. Gli occupanti di Somonte hanno in programma di piantare circa 1.500 piante di varietà locali e di sviluppare frutteti di albicocco, ciliegio, mandorlo, oliveti con le relative siepi.

Nel dicembre del 2012, quasi settecento alberi sono stati piantati lungo il campo. L’acqua pulita sarà recuperata attraverso impianti, pozzi e la protezione dei piccoli torrenti esistenti. Gli occupanti vogliono raccogliere rapidamente anche un gregge di trecento pecore. Gran parte della produzione agricola sarà trattata in loco nei laboratori della finca. Il progetto agro-ecologico e sociale di Somonte è organizzato con cooperative di lavoratori in grado di fornire lavoro a centinaia di persone e di permettere a migliaia di famiglie della zona di nutrirsi.

Occupy terra, casa e banche

La situazione è ora sospesa a Somonte per la situazione politica in Andalusia. Il nuovo parlamento autonomo eletto nei primi mesi del 2012 è in gran parte di sinistra. Questo non ha impedito al Partito socialista di sfrattare gli occupanti di Somonte, che il 26 aprile 2012, lo stesso giorno, ha firmato un accordo con la Sinistra unita. Il 27 aprile mattina, la finca è stata rioccupata. Nessuna minaccia di sfratto è stata fatta da allora, ma le trattative si sono arenate.

«Se ci butteremo fuori venti volte, ci sarà la ventunesima – ironizza Lola – Non abbiamo scelta. Il governo non sa come reagire. E noi, nel frattempo, dimostriamo che un altro mondo è possibile. Diciamo che occupiamo la terra per vivere e lavorare. Ma dobbiamo farlo anche per il diritto all’abitare, per fornire un riparo alle famiglie. E bisogna occupare anche le banche e ritirare il sostegno finanziario che, con l’appoggio dei nostri governi, porta via i soldi ai più poveri. Dobbiamo occupare! Ecco la soluzione».

Note:

[1] IL Soc-Sat è l’ex United Farm Workers (Soc). Nel 2007, è stato rinominato Workers Union andaluso (Sat).

[2] Cfr. «Terra Andalusia contro la crisi», Jean Duflot, Arcipelago, Gazzetta del Forum Civico Europeo nel giugno 2012.

[3] Cfr. «Un Robin Hood in Andalusia», Sandrine Morel, Le Monde, 29 agosto 2012.

Articolo pubblicato su http://www.bastamag.net

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 15 Maggio 2013 18:03)